La Marcia della Speranza e La Preghiera della Madri

La fine del 2016 è stata accompagnata da innumerevoli brutte notizie, ma qualcosa di positivo è successo, ed una di queste cose è proprio la marcia delle Madri per la pace in terra santa. Passata inosservata sui media convenzionali, Il 4 ottobre 2016, donne ebree e arabe hanno avviato il progetto congiunto «Marcia della speranza». Migliaia di donne hanno marciato dalla parte settentrionale di Israele a Gerusalemme in un appello per la pace. La chiamata raggiunse il suo apice il 19 ottobre, in una marcia di almeno 4.000 donne — la metà di loro palestinesi e israeliane— in Qasr el Yahud sul Mar morto settentrionale. La stessa sera 15.000 delle donne hanno protestato davanti alla casa del primo ministro israeliano a Gerusalemme.

La canzone “preghiera delle madri” nasce da un’alleanza tra cantante Yael Deckelbaum e il gruppo di donne coraggiose che hanno guidato il movimento “Donne per la pace”. Il movimento è nato nell’estate del 2014 durante l’escalation della violenza tra Israele e i palestinesi e l’operazione militare “Tzuk Eitan”.

Le marche sono state riunite dal vincitore del premio di pace Nobel Leymah Gbowee che è famoso per aver condotto un movimento pacifico di donne da entrambi i lati della guerra civile liberiana nel 2003. Nella canzone, Yael include una registrazione di Leymah in cui manda i suoi auguri e la sua benedizione al movimento israelo-palestinese

La canzone è cantata in ebraico e arabo.

Ecco la traduzione in italiano:

Da nord a sud
Da ovest a est
Ascolta la preghiera delle madri
Portare la pace
Portare la pace
Un sussurro del vento sull’oceano
Soffia da lontano
E il servizio lavanderia è sbattimento
All’ombra del muro
Tra il cielo e la terra
Ci sono persone che vogliono vivere in pace
Non mollare, continuare a sognare
Di pace e prosperità
Quando si sciolgono i muri della paura
Quando verrà a tornare dall’esilio
E si apriranno la mia cancelli
Ciò che è veramente buono
Venire il sonno! – Un’altra alba
Il sonno – Venite a mattina è qui
Ci saranno macellazione – una madre Invia
Un piccione per voi – insieme a una preghiera
Vola piccione, non credo – suo figlio a scuola
Rideremo con il bambino – per il suono
Così che egli possono dormire – della guerra
I muri della paura si scioglieranno qualche giorno
Ritornerò sicuramente dall’esilio
Mie porte devono aprire
Ciò che è veramente buono
Da nord a sud
Da ovest a est
Ascolta la preghiera delle madri
Portare la pace
Portare la pace
Luce è passando da est
La preghiera delle madri per la pace

Un sussurro dal vento dell’oceano
Che soffia da molto lontano
Del bucato che sventola
Contro l’ombra del muro
tra il cielo e la terra
C’e gente che vuole vivere in pace
Non arrenderti, continua a sognare
Di pace e prosperità
quando spariranno le mura della paura ?
Quando ritornerò dall’esilio ?
E i miei cancelli si apriranno
A ciò che è veramente buono
Avant riposati!
un’altra alba
Avanti riposati –
e il mattino e qui Abbatteremo
una madre manda Una colomba
insieme ad una preghiera
Vola colomba, non credere
Il suo bambino a scuola
Rideremo con il bambino – con il suono
in modo che egli possa dormire –
della guerra I muri della paura un giorno scompariranno
E io tornerò dall’esilio
I miei cancelli si apriranno
A ciò che è veramente buono
Leymah Gbowee:
Mi piacerebbe cogliere l’occasione per congratularmi
Con Le donne del Women Wage Peace
Voglio ringraziarvi per difendere la pace
accanto alle vostre sorelle palestinesi
Volevo ringraziarvi e farvi sapere che
La pace e possibile nel mondo in cui viviamo
Solo quando le donne, donne integre e di fede
Si alzano in piedi per il futuro dei loro bambini.
Complimenti, spero che Continuerete a lottare per la pace in un modo costruttivo E non vedo l’ora di unirmi a voi in un giorno non troppo lontano.
Grazie per i figli di Israele, grazie per i figli della Palestina
Grazie! Pace!
Shalom!
Dal nord al sud
Da est ad ovest
Ascoltate le preghiere delle madri
Portategli pace
Portategli pace

 

Buon 2017 a tutti noi.

Etichettato , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *