Vaccini e Autismo, una nuova ricerca svela risultati inaspettati

Sono servite donazioni e 2 organizzazioni di beneficienza (la Generation Rescue e la Children’s Medical Safety Research Institute) per finanziare una ricerca scientifica sulla correlazione tra vaccini e autismo facendola girare finalmente  nella comunità scientifica.  Ne è risultato un paper preliminare dalle conclusioni così dirompenti che qualcuno ha deciso di interrompere l’iter di revisione il 28 di novembre scorso, ritirando il documento dal Frontiers Journal.

La ricerca (LINK), intitolata: Vaccination and Health Outcomes: A Survey of 6- to 12-year-old Vaccinated and Unvaccinated Children based on Mothers’ Reports era stata presentata alla rivista scientifica Frontiers Journal il 17 settembre 2016. Dopo due mesi di revisione scientifica interna (peer review), il 21 di novembre, il documento è stato fatto circolare fra i 68.000 iscritti appartenenti ad istituzioni mediche di tutto il mondo, comprendenti anche il National Institute of Health (NIH) e la Harvard University

Il documento riporta la dicitura “provisional” ma riporteremo qui i risultati dello studio che tra le altre cose garantisce un ruolo neutrale dei suoi finanziatori:

The funders had no role or influence on the design and   conduct of the research or the preparation of reports.

I Risultati:

Results: A total of 415 mothers provided data on 666 children, of whom 261 (39%) were unvaccinated. Vaccinated children were significantly less likely than the unvaccinated to have been diagnosed with chickenpox and pertussis, but significantly more likely to have been diagnosed with pneumonia, otitis media, allergies and NDDs (defined as Autism Spectrum Disorder, Attention Deficit Hyperactivity Disorder, and/or a learning disability).

Le conclusioni:

Conclusions: In this study based on mothers’ reports, the vaccinated had a higher rate of allergies and NDD than the unvaccinated. Vaccination, but not preterm birth, remained significantly associated with NDD after controlling for other factors. However, preterm birth combined with vaccination was associated with an apparent synergistic increase in the odds of NDD. Further research involving larger, independent samples is needed to verify and understand these unexpected findings in order to optimize the impact of vaccines on children’s health

Traducendo significa che i bambini vaccinati mostravano nei casi di studio significativamente meno probabilità di ricevere diagnosi di varicella e pertosse rispetto ai non vaccinati, ma significativamente più probabilità di ammalarsi di polmonite, otite media, allergie e patologie del neurosviluppo – NDDs (definite come disturbo dello spettro autistico, sindrome da deficit di attenzione e iperattività, e/o disturbo dell’apprendimento).”

Dopo la “messa al bando” della ricerca” Dan Olmsted, giornalista investigativo famoso per il suo ageofautism.com  muore in circostanze ancora da chiarire.

Age Of Autism stava ovviamente facendo girare la ricerca in rete.

Vediamo se il buon nome della scienza dovrà ancora essere infangato da una classe medica che di fronte a evidenze come questa ricerca o alle testimonianze di migliaia di madri e padri in tutto il mondo, di una incidenza di autismo nettamente più bassa tra i bambini Amish, che non usano vaccini, fingerà ancora di non capire, come il CDC (Center for Desease Control) che rispose alla minore incidenza di autismo tra gli Amish dando il merito alla mancanza di elettricità nelle comunità. (vedi articolo di Attkisson)

In alternativa potremmo ribattezzare il CDC come il Comicality for Disinformation Care

Articoli come quelli de La Stampa che continuano a fare leva su questo fantomatico e non ancora dimostrato “effetto gregge” di immunità, contribuiscono solo a mischiare le carte e distogliere l’attenzione sulla questione razionalmente più importante, e cioè l’evidenza che i Vaccini attuali sono DANNOSI, che mette in risalto l’urgente necessità una revisione delle metodologie di somministrazione, della profilassi, nonché di un aggiornamento degli eccipienti (evidentemente dannosi, come metalli pesanti) contenuti negli stessi medicinali.

La qual cosa dimostra l’evidente parzialità dei media e la loro ovvia e sconfortante inaffidabilità nella difesa dei diritti più basilari dei cittadini, in questo caso la salute dei bambini stessi.

 

Etichettato ,

2 thoughts on “Vaccini e Autismo, una nuova ricerca svela risultati inaspettati

  1. […] disponibili (quelle giuste e scientifiche, ma su quelle stupide cose new age antiscientifiche tipo questa ndr) e sottraendo le persone assistite, e in particolari i minori, a trattamenti scientificamente […]

    1. Ho modificato la frase, forse in questo modo è più comprensibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *