Tag: Analisi

Parigi: La strategia della confusione

Come ormai avrete notato, i recenti avvenimenti stanno facendo sorgere dubbi anche negli ambienti mainstream dell’informazione. Ci si comincia a porre domande che prima nessuno si poneva. Da dove viene l’ISIS? chi l’ha creato?

Sono avvenute cose eccessivamente in contraddizione tra di loro:

  • Degli USA contro Assad e l’ISIS contemporaneamente
  • Un Assad nemico dell’ISIS e aiutato dai russi “cattivi” ad estirpare il male incarnato dallo stato islamico che per motivi poco chiari si è guadagnato l’odio americano
  • Dei terroristi che nonostante le imponenti misure di sicurezza aereoportuali riescono sempre a mettere bombe sugli aerei e ad essere riforniti con sofisticate bombe chimiche al perossido di acetone e armi di ogni genere nel cuore delle capitali europee.
  • Un occidente che continua a rifornire di armi coloro che finanziano i terroristi (Qatar e Arabia Saudita ad esempio)

Queste ed altre informazioni altamente incongruenti hanno per la prima volta… (altro…)

Leggi di più

il Grido belluino di Guerra: Je Suis Paris !

Sui social stamattina, la notizia degli attentati era ovunque. Tutti a strapparsi i capelli con “Je suis Paris”, esortazioni a mettere la marsigliese sul cellulare nel tentativo di indignarsi nel modo più originale possibile, tutto come da copione, in una gara del conformismo, una ratrace mediatica; Allora ho cercato sul web qualche notizia che sia degna di essere definita tale, ma neppure l’ombra. Corriere, Ansa, Gazzetta, solo mezzi video, mezze foto, e mezzi articoli permeati di indignazione, di “Je suis Paris”, di tricolore francese, e di parole scontate, neppure un ragionamento razionale che sia UNO. Le opinioni sono vietate come la peste dai giornalisti, ma evitando le opinioni si evita anche di pensare, e ci si fa trascinare dall’indignazione, dall’emotività, finendo inesorabilmente per seguire il torrente dell’ipocrisia popolare che questa stessa paura di prendere una posizione ha generato. Il mio pensiero è sbagliato? non è importante, ma almeno ci disomologhiamo da un piattume mentale disarmante, privo di ogni forma di carattere e coraggio sociale. Lo stiamo vedendo in queste ore sui giornali… (altro…)

Leggi di più

Chi ha portato la guerra in Siria?

Qui potete leggere l’inizio dell’articolo. Ora cerchiamo di comprendere chi sta combattendo in Siria, e per cosa lo sta facendo attraverso una disamina degli schieramenti in campo:

Schieramento Governativo (sostenuto da: Russia, Cina, Iran, Corea del Nord, Iraq, Venezuela, Bielorussia, Algeria)

  • Governo Siriano (Bashar Al-Assad)
  • Altri piccoli gruppi come il Fronte per la liberazione della Palestina

Schieramento anti governativo (sostenuto dall’Arabia Saudita, Qatar, USA, Turchia, Regno Unito , Francia e, di fatto, anche se non ufficialmente da Israele, vedi Link1 link2 link3)

  • Coalizione Nazionale Siriana
  • Ribelli moderati islamici (Fronte Islamico) di ideologia salafita (7 gruppi) che combattono contro Assad, 60.000 uomini armati finanziati dall’Arabia Saudita e dal Qatar.
  • Esercito Siriano Libero
  • ISIS (di ideologia salafita)

Neutrali

  • Curdi Siriani, Comitato Supremo curdo (Dbk) di cui fanno parte il Partito dell’Unione Democratica (PYD) e il Consiglio Nazionale Curdo (KNC) (contro ISIS)

Analizziamo con più attenzione le forze anti Assad… (altro…)

Leggi di più

Marquez, Assad, e il cortocircuito mediatico

Prendiamo un fatto attualissimo di cronaca sportiva che sta facendo indignare mezzo mondo, pare infatti molto facile rendersi conto del comportamento antisportivo di Marquez nei confronti di Rossi, tanto è che milioni di persone sono in subbuglio per le sue velate ma chiare provocazioni. Il comportamento scorretto dello spagnolo è sotto gli occhi di tutti, e i social network sono strapieni di articoli e utenti che parlano di questo argomento, nonché talk-show e speciali di approfondimento dei tg.

Quello che risulta curioso è come una situazione in tutto simile a quella del caso Rossi-Marquez, ma relativa alla ben più importante sfera politica internazionale, non solo non riesca a far indignare le persone allo stesso modo, ma sembra che non riesca nemmeno ad essere assimilata nei suoi più elementari elementi. Una sorta di fenomeno di autoesclusione di notizie non conformi alla visione pre-instillata del mondo.

Portando delle prove e dei fatti che sono ancora più evidenti ed espliciti dei corrispettivi eventi del motoGP, riguardanti però la situazione Siriana, la mente di una persona normale va essenzialmente in corto-circuito, come se nella sua testa iniziasse una battaglia tra due verità contrapposte, che però non può essere vinta da nessuna delle due, perché da una parte ci sono le credenze più profonde instillate in decenni di dominio mediatico e dall’altra ci sono i fatti reali. E’ qui che la mente è costretta, con un immane sforzo inconscio a sdoppiare il pensiero e a far vincere entrambi gli schieramenti, ingannando la coscienza nascondendo nei recessi mentali la verità “scomoda”… (altro…)

Leggi di più

La donna che bypassava la Natura

Marlice Van Der Merwen, una ragazza normale, che nel corso della sua vita ha sviluppato la stupefacente capacità di affrontare e dominare predatori selvatici come questi ghepardi, nel loro habitat naturale. Marlice è già ampiamente conosciuta e ha già riscosso molto successo per le sue capacità, ma quello che si percepisce guardando questo video è più profondo e imponente di quanto una superficiale analisi logica possa far emergere…

La natura è qualcosa di spettacolare, è un sistema perfetto di meccanismi sviluppatisi in un miliardo di anni di evoluzione. Questi sistemi sono così completi, che nell’adempimento del loro scopo principale, e cioè l’evoluzione stessa, permettono di aggirare se stessi, e cioè quelle regole che apparentemente sembrerebbero regole indiscutibili e definitive. Parliamo dell’ancestrale rapporto tra preda e predatore, della paura, dell’emissione elettromagnetica di quell’emozione negativa che impedisce ad un animale diurno di non avventurarsi in una oscura e buia caverna, poiché in quel profondo e misterioso loculo può nascondersi qualsiasi cosa, finanche la morte stessa. La paura è un chiaro sintomo di incontrollabilità dell’evento, di inferiorità tattica di una gazzella nei confronti di un leone e dei suoi denti, di un uomo privo di armi tecnologiche e biologiche dinanzi una tigre affamata… (altro…)

Leggi di più

E un giorno arrivò l’ISIS!……Ma da dove?






Il nuovo spauracchio della morte con doppio salto carpiato ISIS è maturo, e qualche tempo fa sembrava addirittura in procinto di arrivare in Italia, http://www.panorama.it/news/esteri/isis-in-libia/ i media, allora, sembrava parlassero solo di questo. Con toni più o meno così: È la guerra (!!! ndr). E siamo in guerra. Le bandiere nere dei tagliagole sventolano a Sirte. Sapete cosa […]




Leggi di più

Quello che (ancora) non avete letto sul caso Volkswagen






Alla fine la storia si ripete sempre. Gli italiani servi, i francesi orgogliosi, i tedeschi invasori e gli inglesi fieri paladini della resistenza, con un unico comune denominatore: Sono gli Stati Uniti a dirigere la baracca e chi osa sfidarli, è destinato a fare i conti con lo Zio Sam. Il 18 settembre l’EPA americana […]




Leggi di più

EFT ovvero “Tecniche di Libertà Emotiva”: Ecco quali sono i risultati della sua applicazione






“Nel 1980 il dottor Roger Callahan, uno psicoterapeuta della California, stava lavorando su una paziente, Mary, soggetta ad una intensa paura dell’acqua che le provocava frequenti mal di testa, intensi dolori allo stomaco e spaventosi incubi. La sua condizione era tale che non poteva immergersi in acqua, nemmeno quella della vasca da bagno, senza sviluppare […]




Leggi di più

11 Settembre 2001: Il denso fumo che fa annegare






Vi chiederete cosa c’entra la morte di un bambino sulle spiagge turche nel 2015 con gli attentati dell’Undici Settembre 2001. Ebbene il suo destino vi è collegato con un filo così spesso e teso, che se la sua morte vi ha fatto indignare, quello che state per leggere dovrebbe farvi saltare dalla sedia, e soprattutto […]




Leggi di più

Google e le strane norme sulla privacy






Sarà per via delle recenti accuse dell’UE sui suoi abusi di posizione dominante, o per semplice cautela, in questi giorni Google ha sottoposto all’attenzione di milioni di utenti un avviso riguardante le Norme sulla Privacy utilizzate. Come spesso accade in questi casi, pochissimi leggeranno le norme con attenzione e forse è proprio su questo che […]




Leggi di più